Equini

La Carne di cavallo, detta anche Carne equina, è un tipo di carne rossa molto interessante dal punto di vista nutritivo: ha un quantitativo ridotto di grassi (almeno i tagli che vengono commercializzati in Italia), un elevato contenuto di vitamine e proteine e soprattutto spicca per il suo alto contenuto di ferro (3,9 mg/hg contro gli 1,6 mg/hg della carne bovina).

La carne di cavallo ha un sapore dolciastro, a metà tra la carne di manzo e la selvaggina, e va cucinata poco (spesso, infatti, si mangia cruda come carpaccio o come tartare) per fare in modo che mantenga inalterate la sua tenerezza.

Da tempo, almeno in Italia, la carne di cavallo è considerata un alimento nobile indicata soprattutto per le persone anemiche (grazie all'alto tenore di ferro in essa contenuto), per le donne incinta e per i bambini in via di sviluppo. In Italia la carne di cavallo non è molto diffusa tranne che in alcune regioni, tra cui la Lombardia, dove esistono molte ricette tipiche e molte macellerie equine specializzate nella macellazione del cavallo.

La carne equina è ideale per essere mangiata cruda, ma si adatta bene anche alla preparazione di insaccati e di stufati o stracotti.

Tra i vari piatti tipici regionali italiani a base di carne equina più conosciuti sono: la pastissada, una bistecca di cavallo tipica di Verona e di Mantova, la straéca, la bisteca di puledro, gli sfilacci o straccetti di cavallo, serviti crudi con olio e limone tipici del Nord Italia. In Lombardia, in modo particolare, stufati e stracotti di carne equina sono tipici di alcuni comuni, così come salumi vari, prosciutto e bresaola. Ottimi panini con questi prodotti (o con la salsiccia di cavallo).

Prodotti carni