Oltrepò Pavese Metodo Classico

L’Oltrepò Pavese è una zona da considerarsi ad alta vocazionalità viticola, grazie alle sue caratteristiche pedologiche, territoriali e climatiche, che ben si adattano alla coltura della vite. La zona di produzione dell'Oltrepò Pavese DOCG (riconoscimento nel 2007) comprende i seguenti comuni in Provincia di Pavia: Borgo Priolo, Borgoratto Mormorolo, Bosnasco, Calvignano, Canevino, Canneto Pavese, Castana, Cecima, Godiasco, Golferenzo, Lirio, Montalto Pavese, Montecalvo Versiggia, Montescano, Montù Beccaria, Mornico Losana, Oliva Gessi, Pietra de' Giorgi, Rocca de' Giorgi, Rocca Susella, Rovescala, Ruino, San Damiano al Colle, Santa Maria della Versa, Torrazza Coste, Volpara, Zenevredo e parte dei territori dei comuni di Broni, Casteggio, Cigognola, Codevilla, Corvino San Quirico, Fortunago, Montebello della Battaglia, Montesegale, Ponte Nizza, Redavalle, Retorbido, Rivanazzano, Santa Giuletta, Stradella e Torricella Verzate. 

Il primo dato certo relativo alla produzione di spumante risale al 1870 quando l’ing. Domenico Mazza di Codevilla ha dato inizio alla produzione dello “Champagne” d’Oltrepò. La tradizione è continuata fino ad oggi con il riconoscimento, nazionale e internazionale, dell’Oltrepò quale territorio d’eccellenza per la produzione di spumante metodo classico da uve di Pino nero.

Viene prodotto nelle tipologie Oltrepò Pavese Metodo Classico (anche Rosé), Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero (anche Rosé).

 Vitigno

Oltrepò Pavese Metodo Classico e Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé: Pinot nero minimo 70%; Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco congiuntamente o disgiuntamente fino ad un massimo del 30%. Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero e Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero Rosé: Pinot nero minimo 85%; Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco congiuntamente o disgiuntamente fino ad un massimo del 15%. 

 Caratteristiche

Aspetto   

Le varie tipologie di Oltrepò Pavese presentano il seguente aspetto: Oltrepò Pavese Metodo Classico: colore paglierino più o meno intenso; Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot nero: colore paglierino con riflessi più o meno aranciati; Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé: colore rosato più o meno intenso; Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot nero Rosé: colore rosato più o meno intenso.

Profumo  

Il profumo dell'Oltrepò Pavese Metodo Classico è un misto di bouquet fine, gentile, ampio; quello dell'Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero è di bouquet proprio della fermentazione in bottiglia, gentile, ampio e persistente; l'Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé ha profumo di bouquet fine, gentile. Infine l'Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero Rosé presenta profumo di bouquet fine, gentile, ampio.

Gusto  

Il sapore dell'Oltrepò Pavese Metodo Classico è sapido, fresco e armonico; quello dell'Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero è sapido, di buona struttura, fresco e armonico. L'Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé ha sapore sapido, armonico e moderatamente corposo. Infine l'Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero Rosé presenta un sapore sapido, di buona struttura e fresco.

Gradazione  

La gradazione minima prevista è rispettivamente: Oltrepò Pavese Metodo Classico 11,50% vol; Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero 12,00% vol.; Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé 11,50% vol.; Oltrepò Pavese" Metodo Classico Pinot Nero Rosé 12,00% vol.

Età ottimale  

 

 

 

  Zona di produzione

  

  Tipologie

  • Oltrepò Pavese Metodo Classico
  • Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé
  • Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero
  • Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero Rosé. 

 Calice e servizio

Va servito alla temperatura di 8-10°C.

 

 

 

 

 

 Abbinamento con i   cibi

L’Oltrepò Pavese si accompagna magnificamente a primi piatti delicati ed antipasti di verdure, con crostacei e pesci con salse delicate ed è perfetto come aperitivo.